I Templari di Santa Maria


Una buona serata; per quanto riguarda i Pidduzzi (i Beati Paoli) esistono varie tesi sulle loro origini; questa sera, ne approfondirò una. Durante la prima Crociata, intorno al 1129, i Templari vengono riconosciuti come Ordine monastico dalla Chiesa. Alcuni che sono partiti da Santa Maria tornano; per ricongiungersi, con gli altri monaci, che non erano partiti; sia per l'età avanzata, o perché consideravano il combattere, non idoneo alla loro professione di fede. Tra l'altr...o, i Templari, ritornano con una parte di tesoro, conservato nel tempio di Salomone; il posto dove alloggiavano, che era stato affidato loro dal re di Gerusalemme. I Templari, di tutta Europa, chiedono al Pontefice del tempo, di voler creare un ordine monastico di monaci guerrieri. Grazie alla condivisione di San Bernardo da Chiaravalle, l'ordine dei monaci combattenti viene riconosciuto, nel 1129. I Templari, prestano giuramento, unendo i riti del cavalierato con quelli del monachesimo benedettino. I Templari, in principio, ritornano tra i fraticelli di Santa Maria; in seguito, realizzano delle cittadelle fortezza. I fraticelli di Santa Maria del Bosco, invece, rimangono tra le foreste, ed il 20 marzo del 1318, riceveranno l'autorizzazione per realizzare un monastero Benedettino. I Templari, partecipano, a tutte le otto crociate; ma tra il 1312 ed il 1314, l'ordine viene abolito dal pontefice Clemente V, per eresia; anche, perché, i Templari avevano realizzato un avanzato sistema bancario; erano cresciuti in potere e ricchezza. Per questo, è anche probabile, per quanto ho detto sugli archi di Bisacquino, che è una città fortezza, che la sua crescita sia opera dei Templari; soprattutto per la sua forma ottagonale, della quale non ho ancora parlato. Sicuramente, fin quando l'ordine fu riconosciuto dalla Santa Sede, i rapporti tra i vertici della diocesi di Monreale con i Templari furono buoni; poi con la soppressione dell'Ordine, le cose cambiarono. I Templari, ben presto, divennero, una setta segreta, ma molto potente, tanto che nel 1500 verranno perseguiti dalla Santa Inquisizione; se questa tesi è rispondente al vero, allora i Pidduzzi sono dei monaci combattenti; i cosiddetti giustizieri di Dio, che punivano i baroni del tempo, dopo di averli processati; per tutelare gli indifesi. Ci sono diversi modi di vedere, per quanto riguarda quello che accade, dopo la soppressione dell'Ordine, in merito ai rapporti con il clero, in fondo anche se perseguiti avevano pur sempre giurato fedeltà alla Chiesa. 











Cerca nel blog